Tavoli da esterno (per terrazzi o giardini)

Un importantissimo fattore da non sottovalutare nel momento in cui ci si accinge ad acquistare i nostri arredi outdoor è la resistenza dei materiali che li compongono.

Tavoli per esterno

Resistente agli agenti atmosferici. Abbinabile alle sedie Desiree e Isidore. Struttura in fibra sintetica di Hularo e alluminio.Purtroppo chi abita nelle grandi città difficilmente ha la fortuna di disporre di uno spazio aperto vivibile, sia esso un giardino o un semplice terrazzo (al massimo magari si ha un piccolo balconcino dove stendere i panni ad asciugare e sistemare qualche pianta, oppure si ha un terrazzino che però affaccia direttamente su una strada trafficata o peggio sul balcone di qualcun’altro!): se invece si abita in un piccolo centro, o ancor meglio in campagna, sicuramente si può disporre di almeno uno spazio esterno degno di questo nome ed in questi casi è bene sfruttare queste zone al massimo delle loro potenzialità, per poterne godere durante la bella stagione stando un po’ all’aria aperta (meglio ancora se in mezzo al verde!). In tutti i casi però è bene ricordarsi che anche negli spazi esterni annessi alla nostra abitazione nulla può essere lasciato al caso: ogni cosa va attentamente studiata tenendo conto dell’intorno, dei nostri gusti e delle nostre esigenze, esattamente come avviene per i locali interni anche in questi casi l’arredamento giusto può valorizzare molto, rendendolo confortevole ed accogliente anche una spazio per sua natura magari non particolarmente pregevole!

Quando si parla di arredi outdoor bisogna specificare bene a cosa ci si riferisce in particolare, perché le possibilità sono davvero infinite: c’è chi preferisce allestire nei propri spazi esterni un piccolo salotto (formato da un divanetto e/o da poltroncine accompagnate da un tavolino) dove accogliere gli amici per sorseggiare un drink o prendere un caffè e chi invece nella bella stagione ama mangiare all’aperto, magari se si ha un barbecue servendo appetitose grigliate, e dunque necessita di un vero e proprio tavolo corredato da sedie; infine non si possono certamente dimenticare gli amanti della “tintarella”, che invece prediligono un attrezzatura più “da spiaggia”, fatta da sdraio e lettini da sole.

Tavolo bar rotondo da esterni. Piano in vetro appoggiato su ventose. Resistente agli agenti atmosferici. Abbinabile agli sgabelli bar Remi e Theo.Ognuna delle opzioni suddette è assolutamente lecita ma la prima cosa da considerare, prima di scegliere cosa possa fare davvero al caso nostro, è l’ubicazione del nostro spazio esterno e le sue effettive dimensioni, per riuscire a stabilire quale sia effettivamente la destinazione d’uso migliore e soprattutto per riuscire a calibrare alla perfezione gli elementi ed i complementi d’arredo. Con tutta probabilità se abbiamo a nostra disposizione un bel giardino verde ed ampio potremo allestirvi sia un’area relax che una destinata ai “banchetti”, ma in spazi dalle dimensioni più ridotte dovremo necessariamente operare una scelta (dettata ovviamente anche dalle nostre abitudini!). Le soluzioni attualmente presenti in commercio sono davvero un’infinità (tanto che risulta quasi difficile scegliere!), anche per quanto concerne i materiali, lo stile, le forme ed i colori non c’è che l’imbarazzo della scelta; soprattutto negli ultimi anni l’arredo da esterni ha conosciuto una forte crescita ed accanto ai marchi più noti e famosi sono nate diverse nuove linee, molte delle quali ideate da giovani designer che si sono sbizzarriti con soluzioni sempre più innovative e stravaganti capaci di rendere i nostri spazi esterni davvero originali e versatili!

Ovviamente un importantissimo fattore da non sottovalutare nel momento in cui ci si accinge ad acquistare i nostri arredi outdoor è la resistenza dei materiali che li compongono, poiché trattandosi di elementi che, almeno per una buona parte dell’anno, devono rimanere all’aperto, esposti al sole ed alle intemperie è bene che si opti per qualcosa che si rovini il meno possibile e che si pulisca facilmente! La scelta più comune ed anche la maggiormente consigliabile è ovviamente quella, durante la brutta stagione, di riporre i nostri arredi da esterno al chiuso o almeno al coperto, non sempre ovviamente questo è possibile perché in alcuni casi non si dispone di ambienti in grado di contenerli ed in altri casi spostarli sembrerebbe quasi un vero e proprio “trasloco”. Per ovviare ad entrambe le problematiche, e rispondere sia ad esigenze minime d’ingombro che a questioni connesse con la facilità di trasporto, in commercio esistono soluzioni trasformabili ed ultracompatte, come ad esempio grandi tavoli di pranzo (capaci di ospitare anche dieci dodici coperti) che si ripiegano assumendo la conformazione di parallelepipedi (facilmente riponibili in qualunque box perché dallo spessore limitato inferiore ai 40 cm!) all’interno dei quale vengono nascoste le sedute; diversamente comunque sarebbe buona norma scegliere delle sedie, se non pieghevoli, quanto meno impilabili, in modo tale che nel momento in cui vanno riposte occupino lo spazio fisico di una sola! A mali estremi si può poi sempre optare per lasciare ciascun elemento esattamente dov’è e ricoprirlo con dei teli impermeabili che lo proteggano durante l’inverno! Quando acquistiamo tavoli e sedute da esterno dunque resistenza, solidità, ma al contempo leggerezza e versatilità, così come facilità di pulizia e praticità sono senza dubbio gli aspetti da tenere maggiormente in considerazione, ovviamente sempre abbinati al fattore estetico ed al proprio gusto!

Tavolo tondo. Struttura tubolare d'acciaio. Piano in lamiera stampata. Zincato e verniciato in poliestere.Se si è in cerca di qualcosa di tradizionale, magari dallo stile un po’ rustico o country, tra i vari tanti materiali a disposizione si potrà decidere di optare per il ferro battuto, che pur evocando atmosfere ed ambientazioni dal sapore antico conserva sempre il suo fascino e consente un alto grado di personalizzazione, grazie all’utilizzo di cuscini copri sedia, colorati e fantasiosi da cambiare a proprio piacimento a seconda dell’umore e dell’occasione. Altre due opportunità molto classiche, da impiegare soprattutto nei giardini ed in particolar modo per quanto riguarda il tavolo, al quale poi eventualmente potranno anche essere accostate sedie realizzate in materiali diversi, sono la pietra (levigata o a spacco in base all’effetto che si desidera ottenere!) e la ceramica decorata, che solitamente viene impiegata solo per realizzare il piano e che viene accostata ad una struttura in ferro battuto. Ci sono poi molte altre soluzioni più moderne, perfette anche per il terrazzo di casa, che vanno dall’alluminio verniciato, all’acciaio inox, sino alla plastica ed al policarbonato (con elementi sia trasparenti che opachi), in molti casi l’importante è che si tratti comunque di arredi colorati, perché anche per gli esterni (così come per gli interni) la tendenza odierna è quella di arredare con personalità optando non solo per modelli originali ed accattivanti, ma anche stupendo con l’impiego del colore, prediligendo tonalità accese e brillanti, simpatiche e capaci di infondere il buon umore! Oggi poi in commercio ci sono dei materiali assolutamente innovativi, come ad esempio il Corian, che consentono di creare elementi dalle fattezze estremamente plastiche e insolite ed effetti fino ad ora difficilmente realizzabili: ad esempio, utilizzando questa nuova materia estremamente resistente, la Avanzini Group ha creato in collaborazione con il designer Giancarlo Zema e con la ditta Du Pont (che produce il Corian), una serie di arredi outdoor, formati da tavoli e sedute, che riprendono le forme organiche della vegetazione, giungendo ad un risultato davvero straordinario, moderno, innovativo ed accattivante, disponibile per altro in una gran varietà di tonalità! Una scelta sempre attuale, elegante e vincente, capace di fondere estetica, resistenza e praticità, è poi rappresentata dai tavoli con sedie in coordinato il tutto realizzato in legno: ne esistono ovviamente di differenti tonalità a seconda dell’essenza utilizzata, ma comunque tra i più indicati di sicuro vi è il teak. Linee sobrie ed aromiose caratterizzano questa collezione. Realizzati in ferro trattato contro la ruggine con zincatura galvanica e verniciato a forno con vernici epossidiche termoindurenti.Molto gettonate e di grande stile anche le soluzioni cosiddette “intrecciate” con materiali naturali, fatte di rattan, midollino, vimini e bambù, che rimandano ad atmosfere più particolari ed esotiche, anche se si tratta di elementi che, se ben fatti, hanno un costo non accessibile proprio a tutti e che necessitano comunque di attenzioni e cure un po’ più particolari; oggi ne sono state ideate delle varianti “artificiali” che ne ricalcano le fattezze impiegando però materiali sintetici molto più resistenti!

Ovviamente, esattamente come quando ci si accinge a scegliere il proprio tavolo da pranzo per la sala, anche nel momento in cui si acquista per quello da esterni bisogna valutare attentamente qual è la forma e quali sono le dimensioni più adatte al nostro spazio: nel caso si tratti di un giardino ci si può sbizzarrire abbastanza liberamente, mentre per terrazzi e logge meglio prediligere elementi rotondi o quadrati se si ha a disposizione uno spazio dalle dimensioni simili in larghezza e profondità, mentre è meglio optare per il rettangolo o l’ovale nel caso in cui il nostro ambiente, come spesso accade, sia lungo e stretto. Anche per l’outdoor comunque esistono una moltitudine di tavoli trasformabili ed allungabili, che consentono ad esempio di limitarne l’ingombro nel momento in cui non si mangia all’aperto o di trasformare una zona salotto in un’area dove servire la cena!

Sara Raggi

Ti è piaciuto l'articolo o hai dei suggerimenti da fare?

comments powered by Disqus